Escursioni negli angoli più belli della Sicilia

IL MARE COME NON L'AVEVI MAI VISTO

Marzamemi

Dall’arabo MARSA EL ALAMEM (rada delle tortore) per la presenza ancora oggi di molte tortore, le quali migrano e riposano in un pantano attiguo al paesino, un tempo salina, che riforniva di sale la tonnara, infatti Marzamemi è un’antica tonnara, diventato oggi un borgo turistico. In pieno centro storico troviamo la piazza del paese, Piazza Regina Margherita sulla quale convergono le principali strade: Via Letizia e Via Principe Villadorata.

Nei pressi della piazza si trovano le caratteristiche case dei pescatori e due Chiese, una antica ed una abbastanza recente. Sono entrambe dedicate a San Francesco di Paola, protettore del paese. La Chiesa Nuova fu edificata per volere di Pio XI e mostra un prospetto semplice e lineare, mentre quella antica, ormai sconsacrata perché diroccata, un tempo di proprietà del principe, oggi è dei beni culturali, ma risulta ancora in completo abbandono. Nella parte centrale, della nuova chiesa sopra il portale, si trova un grande rosone in stile romantico, tolto dalla vecchia chiesa.

Passeggiando per le strade di Marzamemi non si può evitare di notare le piccole e caratteristiche case dei pescatori che girano intorno alla piazza. Risalgono al 1600 e furono ristrutturate in occasione della costruzione del Palazzo del Principe di Villadorata. La più caratteristica delle case è la “casa del forno” così soprannominata poiché al suo interno si trova un grande forno in muratura.

Il Palazzo del Principe di Villadorata fu costruito nel 1752 e si affaccia su Piazza Regina Margherita occupandone tutto il lato ovest. Fu costruito in pietra arenaria e il portone principale è in legno sormontato da un arco con al centro lo stemma della famiglia, accanto al palazzo si trova un arco il quale veniva utilizzato per trasportare l’acqua piovana dal tetto del palazzo a due serbatoi, proprio accanto all’antica chiesa. Il panorama che si può ammirare da questi posti è davvero spettacolare. I piccoli porti naturali di Marzameni, la Fossa e la Balata, sono molto particolari. La Balata è simile ad una piccola piazza limitata da case e mare.

Festa del Patrono San Francesco di Paola - 20 Agosto

Questa è senza dubbio una delle feste più belle del territorio pachinese e viene considerata come una delle più importanti feste marinare della Sicilia.

L’origine del culto del patrono risale al 600 quando i cittadini di Marzamemi soffrivano del terremoto del 1693. Qui i cittadini decisero di rivolgersi al santo in modo tale da proteggere i pescatori locali che si avventuravano in mare per procurare sostentamento alle proprie famiglie.

Per questo motivo San Francesco di Paola venne proclamato patrono del piccolo borghetto, e quando ‘’esaudiva le richieste’’ parte del pescato andava in suo onore.

La mattinata del 20 agosto vengono sparati colpi di cannone dal porto che avvertono l’inizio della festa. Nell’arco della mattinata ci saranno le messe solenni e nel primo pomeriggio si tengono delle gare marinare che sono: ‘’Corsa nei sacchi’’, la ‘’cuccagna a mare’’ e la ‘’regata in barca’’.

Verso le sei del pomeriggio esce il simulacro del santo che viene portato in processione per tutta Marzamemi. Questa processione vuole ricordare la ‘’traversata di San Francesco di Paola dallo stretto di Messina’’, in modo tale da dare la benedizione e la protezione al mare e ai pescatori affinchè possano avere un pescato abbondante.

Questo evento è spettacolare poiché il santo non viene portato in processione solo nel borghetto ma anche sul mare. Difatti si crea uno scenario particolare, dove i pescatori seguono con le proprie barche il barcone su cui è posta la statua di ‘’San Francesco di Paola’’. Al ritorno la statua viene poggiata in Piazza Regina Margherita dove vi saranno spettacoli e mercatini, in attesa dello spettacolo pirotecnico di Mezzanotte in onore del santo.

NEWSLETTER

Lasciaci la tua email ! Ti invieremo le nostre offerte